Biografiti

Shame

Shame

installazione   In “Shame” resti di scatole di medicine e bugiardini conservati minuziosamente in mesi e mesi di malattie croniche, si accumulano e confondono con centinaia di autoscatti realizzati durante gli apici del dolore cronico. Abbiamo deciso di scattare, ognuno col proprio telefono cellulare, un autoritratto per ogni momento di picco, andando così a collezionare una serie di immagini apparentemente tutte uguali tra loro. La solitudine della malattia, così come quella del digiunatore, è qui esposta e messa in...

continua a leggere

Nord Rest

Nord Rest

reading sonoro   testo di Ila Covolan con Mara Pieri musiche originali dal vivo di Sebastiano Luca Insinga   “Il nord est era questo. Scheletri, croci, cielo e campi.” Nord Rest. Un breve racconto, intenso e accorato, sulla nostalgia e le incognite di una terra lasciata ma non dimenticata. Sulle note brusche e poetiche di arrangiamenti elettrici, il racconto di un Nord Est ostico e burbero, che rifiuta i suoi figli salvo poi abbracciarli, al loro ritorno. Un ritorno alle origini con l’amarezza di chi ha messo...

continua a leggere

E fu sera e fu mattina

E fu sera e fu mattina

reading sonoro   testo di Ila Covolan con Mara Pieri musiche originali dal vivo di Sebastiano, Luca Insinga “E quanta vergogna per non aver compiuto, per aver taciuto, per aver abbassato lo sguardo, chiuso i pugni e deglutito. Quanta vergogna per aver ascoltato. E tentato, addirittura, di imparare. Di guarire.” “E fu sera e fu mattina” è una filastrocca straziante, una nenia che si delinea lentamente nella sua immobile, ripetitiva, quotidiana crudeltà. E’ il racconto intimo di una ragazza confinata alla...

continua a leggere

Ed era sempre marzo

Ed era sempre marzo

film “Ed era sempre marzo” intende essere un viaggio che affonda le proprie radici in una storia reale, amara, di speranza e di lotta, una storia che per una volta non ha bisogno di essere inventata. Luglio 2005. Una malattia rarissima colpisce all’improvviso Ila: da un giorno all’altro, si ritrova in un corpo privo di ricordi, senza alcuna cognizione di sé e del mondo attorno. Una vita appesa ad un filo, da ricostruire, rimodellare, reimparare. Questo progetto vuole raccontare l’attesa, la speranza, l’assurdità...

continua a leggere

My fair pharmakon

My fair pharmakon

installazione   Contramal è un farmaco a base di tramadolo, derivato oppioide, come il metadone. Al contrario di quest’ultimo, esso può essere venduto senza la ricetta speciale per stupefacenti, ma con prescrizione medica non ripetibile. Non è solo un semplice agonista oppioide, ma induce l’aumento del rilascio di serotonina: è, in altre parole, un sostituto chimico del sesso, dell’innamoramento, del buon cibo, dell’esercizio fisico. Contramal viene utilizzato per combattere gli stati dolorosi acuti e cronici, e i dolori...

continua a leggere

Chi si ferma è perduto

Chi si ferma è perduto

reading sonoro   testo di Ila Covolan musiche originali dal vivo di Mauro Volpato e Ila Covolan con Mara Pieri, voce narrante Ila Covolan, voce e chitarra acustica Mauro Volpato, chitarra acustica   La fine del tepore dell’amore, il tramutarsi dell’armonia in ricordi che spezzano, la ricerca di spiegazioni che inseguono flash del passato, rancori e prese di coscienza. “Chi si ferma è perduto” è un viaggio nel caos dell’amore-dolore, nelle pieghe dell’inspiegabilità di qualcosa che sembrava per...

continua a leggere

In_visible memory of

In_visible memory of

installazione   16 luglio 2005. Ila, alias Goghi, si trova a lottare tra la vita e la morte a causa di una malattia che le fa perdere la memoria e l’uso della parte destra del suo corpo. Riesce a sopravvivere e, con il tempo, a rimettersi. È un episodio che non solo la segnerà per sempre, ma che costituisce una vera e propria morte della persona che era prima, data anche dal violento annullamento della memoria e di gran parte dei ricordi. Mara, alias Goghi, quale amica, amante, compagna, e parte complementare del duo...

continua a leggere