From Bruxelles to Coimbra, i corpi indisciplinati di “Nostalgia de vos”

Alla fine del 2013, Goghi&Goghi, durante una residenza nel meraviglioso AdaLab di Vicenza, in pausa dalle prove, sconfinano in una camera: pochi oggetti, pochi abiti, un’intuizione nella testa. In poco tempo prende forma “Nostalgia de vos“, un video in cui è un corpo a sconfinare, seguendo il ritmo sincopato di una radio in continua interruzione.

Giovedì 28 ottobre 2015 è un gran bel giorno per “Nostalgia de vos”.

Alle 16:00 sarà proiettato nel foyer del Royal Flemish Theater di Bruxelles, nell’ambito di “Unruly bodies. Gender, norms, resistance“, una conferenza internazionale curata da Sophie, in cui genere, norme, sovversioni e sconfinamenti sono affrontati da un punto di vista accademico, artistico e attivista. Per Goghi&Goghi si tratta della prima volta nel paese di nascita delle patatine fritte, ed è un onore debuttare proprio nell’ambito di un’iniziativa tanto intersezionale.

Solo poche ore di pausa, il tempo di cambiarsi d’abito per adattarsi ai costumi mediterranei e ad una pioggerella più fine, e alle 22:00 “Nostalgia de vos” torna sullo schermo di “Tran(S)arau“, evento collettivo di video-performance queer organizzato dal Movimento Sem Prega di Coimbra, in Portogallo: una serata in cui video e performance dal vivo dialogano sulla mostruosità dei corpi, le intersezioni identitarie, i confini della mostruosità.

Da Bruxelles a Coimbra, dal Belgio al Portogallo, “Nostalgia de vos” continua a risuonare, a transitare, a frammentarsi. Se non doveste trovare posto negli ultimi aerei in partenza, ecco un assaggio del video.